Skip to Main content Skip to Navigation
Journal articles

Epatite cronica virale C

Résumé : Il virus dell’epatite C (HCV), a trasmissione parenterale, è stato identificato nel 1989 come il virus responsabile delle epatiti «non A non B». L’infezione colpisce circa 170 milioni di persone nel mondo e 200 000 persone in Francia hanno una replicazione virale attiva. Nei paesi industrializzati, l’epidemia ha accompagnato lo sviluppo della trasfusione sanguigna e della tossicomania endovenosa. I test enzyme-linked immunosorbent assay che individuano gli anticorpi anti-HCV hanno permesso uno screening attendibile dell’infezione a partire dal 1992. La rilevazione dell’acido ribonucleico virale C permette la diagnosi dell’infezione cronica che fa seguito all’epatite acuta in circa l’80% dei casi. La gravità dell’infezione è legata allo sviluppo progressivo di una fibrosi epatica che conduce alla cirrosi dopo una mediana di evoluzione di 30-40 anni. La malattia è, così, responsabile di circa 350 000 decessi per anno nel mondo, legati, in parti uguali, all’insufficienza epatica e al carcinoma epatocellulare. Il trattamento ha compiuto enormi progressi in 20 anni e nuove molecole antivirali sono in corso di sviluppo clinico.
Document type :
Journal articles
Complete list of metadatas

https://hal-univ-rennes1.archives-ouvertes.fr/hal-01154232
Contributor : Laurent Jonchère <>
Submitted on : Thursday, May 21, 2015 - 1:53:15 PM
Last modification on : Sunday, September 2, 2018 - 1:07:39 AM

Identifiers

Citation

D. Guyader. Epatite cronica virale C. EMC - AKOS - Trattato di Medicina, 2015, 17 (2), pp.1--10. ⟨10.1016/S1634-7358(15)70635-2⟩. ⟨hal-01154232⟩

Share

Metrics

Record views

163